articolo 1-01.png

LA RETE

Torna indietro

Il progetto:
 

  • punta ad accompagnare i docenti verso un modello didattico responsabilizzante- comunitario, focalizzato sui processi di apprendimento e sullo sviluppo delle competenze cognitive e trasversali e impegnato in una progressiva riduzione delle prassi frontali e trasmissive
     

  • si caratterizza per la sua multidimensionalità, ossia non si propone di intervenire su un solo aspetto, ma aspira a riconsiderare in maniera olistica i diversi fattori che incidono sulla qualità quotidiana del vivere la scuola 
     

  • propone un approccio metodologico costruttivistico e partecipativo che, pur senza individuare in maniera esclusiva uno o più specifici metodi di riferimento, promuove il protagonismo attivo dei bambini, ponendosi come finalità lo sviluppo delle competenze chiave e dell’identità di ciascuno, in un contesto ascolto e rispetto verso ciascuno
     

  • considera la cura dell’ambiente e l’attenzione al setting degli spazi un fattore determinante dell’azione educativa 
     

  • introduce nella quotidianità del fare scuola alcuni dispositivi didattici che l’insegnante utilizza con intenzionalità pedagogica per rendere la scuola un luogo significativo in riferimento all’apprendimento, alla relazione, alla partecipazione
     

  • sceglie il modello della ricerca-azione come sistema capace di stimolare la pratica operativa e incidere immediatamente sui processi di insegnamento/apprendimento
     

  • accompagna i docenti in sperimentazione con una formazione continua e costruisce una comunità di pratiche fondata sulla riflessione professionale, sul costante confronto e sul sostegno reciproco.

Un po' di storia...

Successivamente all’avvio di un primo progetto di sperimentazione, “Viaggio in prima classe”, ideato al 4° Circolo Didattico di Piacenza a partire dall’a.s. 2013/14, è emersa l’esigenza di: 
 

  • strutturare una fattiva collaborazione e condivisione progettuale con la scuola dell’infanzia;
     

  • ripensare e ricreare l’ambiente d’apprendimento;
     

  • organizzare momenti di formazione comune e di autoformazione per costruire una comunità professionale attenta ai bisogni emergenti;
     

  • ripensare all’idea di bambino e quindi di scuola sulla base delle Indicazioni Nazionali.
     

Nell’a.s. 2014/15 si è dunque costituito un gruppo di lavoro formato da insegnanti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria per iniziare a riconsiderare criticamente le prassi in uso ed elaborare un primo nucleo del progetto di innovazione poi denominato “Lavori in corso”. Si è avviato all’inizio un percorso conoscitivo di esperienze di innovazione didattica già in essere nel panorama nazionale, concentrando l’attenzione in particolare sulla realtà delle scuole dell’infanzia di Reggio Emilia ispirate alla ricerca di L. Malaguzzi e sul progetto di M. Orsi delle Scuole Senza Zaino. 

E’ stata a questo punto individuata quale priorità strategica per gli anni successivi quella di lavorare in maniera strutturata sullo sviluppo delle competenze chiave di cittadinanza (all’interno delle competenze chiave europee) per sostenere la costruzione di sé e la maturazione di corrette e significative relazioni con gli altri, oltre ad una positiva interazione con la realtà naturale e sociale.
 

Nell’anno 2015- 2016 tutte le sezioni delle scuole dell’infanzia, tutte le prime classi di scuola primaria del circolo e numerose altre classi su adesione volontaria hanno avviato una prima fase di sperimentazione seguendo il progetto stilato dal gruppo di lavoro con la supervisione del Dirigente Scolastico e del prof. P. Triani dell’Università Cattolica.

Al termine di quell’anno scolastico, la prima fase di sperimentazione, centrata in particolare sulla costruzione degli ambienti d’apprendimento e sulla valorizzazione della comunità professionale, è stata presentata nell’ambito del seminario “Lavori in corso… scuole che costruiscono” all’Università Cattolica del Sacro Cuore (11 giugno 2016). 


Al termine dell’incontro, un buon numero d’insegnanti presenti ha manifestato interesse e motivazione per le azioni didattiche attuate e i principi pedagogici espressi, manifestando l’intenzione di dare vita ad un gruppo di riflessione più ampio.

A settembre 2016, si costituisce così il primo nucleo delle rete “Scuole che costruiscono”.

Ecco in sintesi, le principali tappe del lavoro di ricerca del 4^ Circolo e successivamente della rete negli ultimi anni.

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black YouTube Icon

Scuola capofila 

Liceo Scientifico L. Respighi

Piazzale Genova,1 - 29121 Piacenza (PC) 

pcps02000t@pec.istruzione.it 

CF:80008210330

Dirigente Scolastico - Simona Favari

Segreteria della Rete - Sabina Morea